Emergenza Crisi Idrica

 

Il lungo periodo di siccità, causato dalla eccezionale scarsità di precipitazioni pluviometriche e nevose degli ultimi tre anni, ha determinato in gran parte del territorio nazionale una situazione di deficit idrico con potenziali gravi ripercussioni sulla vita sociale, economica e produttiva, e grave pregiudizio per la sanità e l’igiene pubblica.


Con Delibera del Consiglio dei Ministri del 4 luglio 2022 è stato dichiarato lo stato di emergenza fino al 31 dicembre 2022.


Con Ordinanza del Capo Dipartimento della Protezione Civile n. 906 del 21 luglio 2022 i Presidenti delle regioni Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte e Veneto sono stati nominati Commissari delegati per la realizzazione degli interventi urgenti finalizzati alla gestione della crisi idrica, ciascuno per il proprio ambito territoriale.


Il Commissario Delegato, dott. Luca Zaia, ha individuato il dott. Nicola Dell’Acqua quale Soggetto Attuatore per il coordinamento e la gestione delle attività commissariali di cui all'art. 1, comma 3 dell'OCDPC n. 906/2022.

 

1 - Riferimenti
2 - Provvedimenti statali
3 - Provvedimenti dei Commissario delegato / Soggetti attuatori
 

 

1 - Riferimenti

Commissario delegato:
Luca Zaia


Sede del Commissario delegato:
Palazzo Balbi – Dorsoduro 3901 – 30123 Venezia
tel. 041 279 2945 - fax 041 5228524

Recapito del Commissario delegato:
Via Paolucci, 34
30175 Marghera Venezia (VE)
Tel 041 2794780 – fax 041 2794723
e-mail: crisiidrica2022@regione.veneto.it
PEC: protocollo.generale@pec.regione.veneto.it

 

2 - Provvedimenti statali

 

3 - Provvedimenti dei Commissario delegato / Soggetti attuatori

  • DPGR n. 62 del 22 luglio 2022 -Emergenza idrica. Primi interventi urgenti in attuazione dell’Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile n. 906 del 21 luglio 2022. Costituzione dell’Unità di Crisi Regionale (U.C.R.) ai sensi dell’art. 16 della Legge Regionale 1 giugno 2022, n. 13 “Disciplina delle attività di protezione civile”.
  • Ordinanza n. 1 del 25 luglio 2022 - Primi interventi urgenti di protezione civile finalizzati a contrastare la situazione di deficit idrico in atto, in applicazione dell'Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile n. 906 del 21 luglio 2022. Individuazione dei Soggetti Attuatori di cui all'art. 1, comma 2 dell'OCDPC n. 906/2022.
  • Decreto n. 1 del 27 luglio 2022 - Deficit idrico 2022 – Interventi di massima urgenza per il mantenimento o ripristino del servizio di erogazione dell’acqua potabile nella Regione del Veneto.
  • Decreto n. 2 del 28 luglio 2022 - Deficit idrico 2022 – Interventi di massima urgenza per il mantenimento o ripristino del servizio di erogazione dell’acqua potabile nella Regione del Veneto – Elaborazione del Primo Piano Stralcio e azione di vivificazione urgente del fiume Fratta-Gorzone.
    Allegato 1 - Stazione Adige a Trento (TN) al 28.07.2022
    Allegato 2 - Stazione Adige a Boara Pisani al 28.07.2022
    Allegato 3 - Primo Piano Stralcio 28.07.2022
  • Decreto n. 3 del 29 luglio 2022 - Deficit idrico 2022 – Ulteriori misure straordinarie per fronteggiare la crisi idrica nel territorio della Regione del Veneto a livello comunale.
    Allegato A - Schema di ordinanza su risparmio idrico e limitazioni per l’uso dell’acqua potabile
  • Decreto n. 5 del 4 agosto 2022 - Deficit idrico 2022 – Intervento di massima urgenza sulle portate di alcune sorgenti della Provincia di Belluno e misure sul prelievo del lago del Mis. O.C.D.P.C. n. 906 del 27 luglio 2022.
  • Ordinanza n. 2 del 5 agosto 2022 - Primi interventi urgenti a seguito della dichiarazione di stato di crisi idrica nel territorio della Regione Veneto. O.C.D.P.C. n. 906 del 21 luglio 2022, art.1, comma 3. Approvazione piano degli interventi e delle misure più urgenti di protezione civile di cui all’art. 25 comma 2 lett. a) e b) del decreto legislativo n. 1 del 2 gennaio 2018.
    Allegato A
  • Decreto n. 6 del 14 agosto 2022 - Deficit idrico 2022 – Intervento di massima urgenza per la riduzione delle derivazioni agricole sul fiume Adige e richiesta di intervento alle Province Autonome di Trento e Bolzano anche per il tramite dell’osservatorio coordinato dal Distretto delle Alpi Orientali. O.C.D.P.C. n. 906 del 21 luglio 2022.
  • Decreto n. 7 del 13 settembre 2022 - Deficit idrico 2022 – Intervento di massima urgenza sulle portate di alcune sorgenti della Provincia di Belluno. O.C.D.P.C. n. 906 del 27 luglio 2022. Proroga termine.